martedì 2 febbraio 2010

Lampredotto

Vedo già sulle vostre facce (non di tutti ma di molti) un’espressione di “disgusto” solo all’idea di mangiare trippa e lampredotto… non sapete che cosa vi perdete…
A Firenze il lampredotto è un istituzione, è facile trovare girando per la città , soprattutto in centro, i “banchini dei lampredottai” che servono il lampredotto nel famoso panino o nel piatto, accompagnato da salsa verde o da olio piccante.
Per chi non lo sapesse il lampredotto è l’abomaso,la quarta cavità dello stomaco dei bovini, la parte più bassa...
Lontani sono i termpi del liceo, dell’università, quando con maggior frequenza “bazzicavo” Firenze e di conseguenza i sudetti “banchini”… Fortunatamente il lampredotto è un piatto facile a farsi e si può riprodurre tranquillamente anche a casa.
Penso che ogni famiglia fiorentina (e dei dintorni…) abbia la propria ricetta.
Questa che vi propongo è quella che ho sempre visto fare in casa mia, che poi è molto simile a quelle lette su diversi libri di cucina toscana e fiorentina.

Vi avverto questo sarà l’argomento anche dei prossimi due post…
La ricetta di oggi è la base di partenza per il lampredotto “bollito”, per il panino con il lampredotto e per il risotto con il lampredotto...

lampredotto

Lampredotto bollito

1kg di lampredotto
2 carote
2 coste di sedano
1 cipolla
1 pomodoro
sale
pepe


Pulite le verdure e lavate il lampredotto, mettete tutto in un pentolone pieno di acqua, salate e lasciatelo sobbollire per almeno due ore.
Impiattate e pepate, se piace, accompagnatelo con della salsa verde.

Altre ricette con trippa e lampredotto:

25 commenti:

  1. Nooo invece! Il lampredotto è una meraviglia, e quando andiamo a Firenze è un appuntamento fisso. Lo mangiamo al Tramvai, che ne prepara una versione con il pomodoro assolutamente divina. Credo però che in questo caso si parli di trippa vero?
    Uh, non mi sono neanche presentata! ti seguo da poco ma con grande piacere!

    RispondiElimina
  2. Non mi sbalordisco affatto, anzi dove sei? è ancora caldo? molto buono, brava. Max.

    RispondiElimina
  3. Ciao silvia, o come sarà bonoooo i' lampredottoooooooo!!!!
    Sabato sera avevo parenti a cena e l'ho rifatto con le patate, non ho avuto neanche il tempo di fare una fotooo!!!!!

    RispondiElimina
  4. Fantastica...la devo passare a dun mio amico fiorentino che ne va pazzo!!!!!!!
    ciao,
    de

    RispondiElimina
  5. Eh..da ignoranti..non lo conosciamo! bè..forse così lo apprezzeremo meglio ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  6. E chi si schifa?...anziiii!!!...sto sbavicchiando!!!! :))))
    amo ste cose, impazzisco per la trippa...e mi ricordo con piacere il panino con il lampredotto mangiato a Greve in Chianti!!!
    non vedo l'ora di vedere i prossimi post!:)

    RispondiElimina
  7. Meraviglioso ! Io sono cresciuta a frattaglie e ho un marito senese....quindi viva la trippa e il foiolo !!! Brava.

    RispondiElimina
  8. si ok ma esportatelo perchè il resto dell'italia non lo vende!!!!
    sò per certo che viene gettato come scarto!
    io l'ho conosciuto per sbaglio, ma il coraggio è venuto meno...ho declinato!
    aimè non ci sono mai riuscita.chissà se un giorno...

    RispondiElimina
  9. o mamma mia io non l'ho mai sentito ne visto da noi... ma mi sembra buono però :-) baci Ely

    RispondiElimina
  10. Ciao!Non ho mai sentito parlare di questa ricetta...ma mi fido di te!
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  11. Ricordo ancora il mio primo lampredotto .. una sola parola : divino !!!! Manu

    RispondiElimina
  12. i love lampredotto.
    quindi aspetto il secondo e terzo capitolo della saga ;)

    RispondiElimina
  13. Ho la gocciolina che casca dal labbro....
    Aspetto le prossime ricette :-)
    VAIII !!!

    RispondiElimina
  14. Non lo conosciamo, non l'abbiamo mai assaggiato, non pensiamo nemmeno che lo si trovi a Bologna, ma a giudicare dalla foto del piatto sembra davvero una squisitezza! Approfondiremo!
    Baciotto da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  15. e lampredotto sia! lo adoro! quando vengo a trovare mamma e sorelle a firenze guardo sempre i "banchini" ma il mio fidanzato non ama queste genere di cose e quindi declino sempre. ma prima o poi mi avvicinerò ad uno di questi "banchini" e farò una strage!

    RispondiElimina
  16. ecco, così dopo essermene strafocata tutte le volte che passavo a Firenze adesso me lo posso praparare in casa anch'io. Quale parte dello stomaco devo chiedere al macellaio (che se gli dico "lampredotto" qui mi guardano strano...)?

    RispondiElimina
  17. Siiiiii, a me hanno dato un altro pezzo di trippa, qua' secondo me non lo conoscono, siamo a Caserta..c'e' un altro nome che tu sappia si chiami ,e' molto invitante grazie , ciao Annamaria

    RispondiElimina
  18. Eccomi!! allora via, siamo in sincrono!! sono curiosa di conoscere la ricetta del risotto perché io l'ho 'inventata' visto che l'avevo assaggiato solo una volta e mai riprodotto!
    Ma sai che io il panino a fi non l'ho mai preso??
    che vergogna... un bacione!

    RispondiElimina
  19. antonella: si credo che sia trippa quella che hai mangiato tu!

    max:... già finito....

    Stefi: anche se senza foto metti la ricetta o mandamela per mail, io adoro il lampredotto!!!

    Daisy: grazie!

    Manuela e Silvia: appena capitate a Firenze correte a mangiarlo!

    Terry: bene bene allora oggi pomeriggio leggerai il seguito!

    Fataricotta: wow allora sei abituata a queste cose!

    Luby: no!!!! gettato per scarto????

    Ely: buono buono!

    Marifra grazie per la fiducia!!!

    Forchettina: è sì il primo lampredotto non si scorda mai!!!!

    Luxus: fra poco arriva la seconda aprte....

    Corrado: anche a me fa questo effetto!!! preparati per oggi pomeriggio!

    Luca e Sabrina: se non lo trovate a Bologna fate un salto a Firenze in un'ora ci siete! e se davvero venite giù fate un fischio!!!

    Ele: ma sei fiorentina?!?!

    Acquaviva: il lampredotto è l'abomaso l'ultima cavità dello stomaco dei bovini, la parte più bassa

    Annamaria: come ho detto sopra. è la parte dello stomaco dei bovini che si chiama abomaso

    Juls: fra poco arriverà il risotto :-) ... per il panino che dici se ci incontriamo a Fi e ce lo mangiamo insieme?

    RispondiElimina
  20. Quanto tornerei a Firenze! Mi piace la foto mi piace troppo quel paninazzo che si mangia da quelle parti. Ti sei messa d'accordo con Juls oggi? Bacio

    RispondiElimina
  21. Elisa: e...una scappatina a Firenze per mangiare un panino insieme? :-)
    Nessun accordo con Juls, abbiamo "solo" fatto qualche ricetta simile nello stesso periodo... una bella sintonia!

    RispondiElimina
  22. Psss, Silvia,
    detto tra me e te...mai assaggiato il lampredotto :(
    Mangio la trippa, in tutte le salse, ma il lampredotto non so nemmeno che sapore abbia.
    Ma dove lo compri...qua non mi pare di averlo mai visto.
    Penso proprio che se trovo la materia prima,lo provo di sicuro.
    Un bacio

    RispondiElimina
  23. Noi ci mettiamo anche un bicchiere di vono rosso nel brodo, gli leva l'aspetto troppo grigiastro.
    W IL LAMPREDOTTO (per me con sale,pepe e salsa piccante...)
    Eccezionale dal trippaio di Gavinana in viale Giannotti (Firenze)e vicino alla Casa di Dante in via del Corso.

    RispondiElimina
  24. In romagna nessuno conosce il lampredotto, io l'ho mangiato una volta in collina in toscana.
    C'era un furgoncino che faceva solo panini con questo, veramente gustoso :)

    RispondiElimina
  25. Ragazzi, il lampredotto è un "eroe" della cucina italiana.
    Pensate a questa storia:
    nasce dalla più popolare delle culture (leggete qui: http://troppatrippa.blogspot.com/2010/05/il-lampredotto-sulla-lista-di-forbes.html )
    e adesso è consigliato addirittura da Forbes, nota rivista per uomini facoltosi (leggi qui: http://troppatrippa.blogspot.com/2010/05/il-lampredotto-sulla-lista-di-forbes.html ). A me sta cosa mi riempie il cuore :D

    RispondiElimina

fettunte